+

Dove sei: Homepage > Notizie > Agevolazione prima casa, vale se si accorpano due appartamenti?

Agevolazione prima casa, vale se si accorpano due appartamenti?

21-10-2019

 

 

È possibile usufruire dell’agevolazioni prima casa sull’acquisto di due piccoli appartamenti adiacenti che saranno subito accorpati in un’unica unità immobiliare da adibire ad abitazione principale?

Questa la domanda che un contribuente pone all’Agenzia delle Entrate. La risposta arriva tramite la posta di FiscoOggi.

Accorpamento e agevolazioni prima casa

L’Agenzia ha chiarito che per l’acquisto di due unità immobiliari contigue i benefici “prima casa” spettano per entrambe quando, dopo la fusione degli immobili, l’abitazione risultante possiede le caratteristiche catastali indicate dalla normativa, ovvero non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Si può usufruire dell’agevolazione sia nel caso di acquisto contemporaneo delle unità immobiliari contigue sia nel caso in cui venga acquistata un’unità immobiliare confinante alla casa già posseduta, allo scopo di creare un’unica unità abitativa.

In quest’ultimo caso, il beneficio spetta a prescindere dalla circostanza che l’immobile già posseduto sia stato acquistato con le agevolazioni “prima casa” o senza averne usufruito.

Agevolazione acquisto prima casa: cos'è

Ricordiamo che l’agevolazione per l’acquisto della “prima casa” consente di pagare imposte ridotte sull’atto di acquisto di un’abitazione in presenza di determinate condizioni.

Chi acquista da un privato (o da un’azienda che vende in esenzione Iva) deve versare un’imposta di registro del 2%, anziché del 9%, sul valore catastale dell’immobile, mentre le imposte ipotecaria e catastale si versano ognuna nella misura fissa di 50 euro.

Se invece il venditore è un’impresa con vendita soggetta a Iva, l’acquirente dovrà versare l’imposta sul valore aggiunto, calcolata sul prezzo della cessione, pari al 4% anziché al 10%. In questo caso le imposte di registro, catastale e ipotecaria si pagano nella misura fissa di 200 euro ciascuna.

fonte: edilportale