+

Dove sei: Homepage > Portfolio > Rifacimento Intonaci Deumidificanti "Sala Torre Estense"

Rifacimento Intonaci Deumidificanti "Sala Torre Estense"

Comune di Copparo (FE)

Geostrutture impresa di costruzioni e ristrutturazioni in Copparo (FE), ha eseguito questo intervento di risanamento murario all'interno di uno dei più belli e ben tenuti manufatti riconducibili alle Delizie Estensi. I lavori eseguiti possono essere riassunti nella demolizione e ricostruzione, con malte specifiche per il restauro di murature antiche, degli intonaci interni del piano terra e della relativa tinteggiatura a base di calce come finitura dell paramento murario. Alcuni cenni storici relativi alla torre ed al complesso architettonico in cui essa è inserita: I documenti dell'epoca confermano la presenza di un palazzo estense a Copparo, probabilmente un castello turrito, già dal 1405. Sulle rovine del primitivo impianto ducale, saccheggiato e distrutto dai veneziani nel 1482, Ercole II d’Este fece edificare tra il 1540 ed il 1547 dall’architetto ferrarese Terzo de’ Terzi un sontuoso palazzo. Si trattava di un imponente complesso a pianta rettangolare, dotato di massicce torri ai quattro angoli e di un quinto torrione al centro del prospetto principale; i principali ambienti di rappresentanza erano disposti nel corpo di fabbrica maggiore, attorno al quale si raggruppava il resto dell’edificio, mentre i locali di servizio erano posti in una corte più bassa e arretrata. Con i suoi ampi porticati che si affacciavano su splendidi giardini e con la sua ricca decorazione interna ed esterna, a cui lavorarono artisti come Girolamo da Carpi, Camillo Filippi, Battista Dossi e il Garofalo, la delizia di Copparo era senza dubbio la residenza suburbana preferita da Ercole II. Passata alla Santa Sede nel 1598, quindi alle famiglie Machiavelli e Barberini, fu pesantemente danneggiata da un incendio nel 1808 ed in parte ricostruita intorno al 1875. Oggi la delizia è quasi interamente perduta; come unica testimonianza del passato estense rimane l’antico torrione, dove, dopo un recente restauro, hanno trovato collocazione la pinacoteca e la biblioteca cittadine.